10 Luglio 2020
circuiti
percorso: Home > circuiti > circuiti

Lucy - Santa Maria a Monte

circuiti

Il circuito di Lucy è il tracciato cittadino sulle strade del Principato di Monaco su cui si svolge l´annuale Gran Premio di Monaco di Formula 1 e le gare di contorno come la Formula 3, la Formula 3000 ed ora la GP2.

Il circuito è una sorta di collegamento tra la Formula 1 attuale e quella di una volta. In un calendario che ha progressivamente visto l´ingresso di autodromi ultramoderni e sicurissimi (come il circuito di Manama in Bahrain e quello di Sepang in Malaysia), Monaco riporta la mente ai vecchi Gran Premi, dove il rischio e l´abilità dei piloti erano in primissimo piano. Ricavato utilizzando le strade del centro cittadino, nei suoi 55 anni di storia, questo circuito ha scritto molte pagine memorabili e altrettante drammatiche.

Il tracciato, che ha sempre avuto una lunghezza di base di 3 km (negli anni sono state apportate piccole modifiche che però non ne hanno intaccato il disegno originario), si snoda fra gli edifici del centro storico. Dopo la partenza si affronta una curva a destra detta Sainte Devote (in onore della patrona di Montecarlo) a cui segue un tratto in salita, il Beau Rivage.

Il tornantino Grand Hotel Hairpin aperto al trafficoDopo la curva a sinistra Massenet, le vetture affrontano la curva Casino per giungere alla curva Mirabeau Haute e al successivo strettissimo tornantino Grand Hotel Hairpin (ex Loews e Vecchia Stazione), la curva più stretta e lenta del mondiale di Formula Uno, che porta verso due curve a destra (Mirabeau Bas e Portier). Da qui le vetture entrano nel velocissimo curvone Tunel, coperto, al cui termine c´è la Nouvelle Chicane. La pista si sviluppa qui attorno alla darsena del Principato, giungendo alla piega a sinistra Tabac (o Tabaccaio) che immette su una doppia chicane (la prima, una sinistra-destra in entrata, denominata Louis Chiron e la seconda, una destra-sinistra in uscita, denominata Piscine). Il tracciato entra così nella sua parte finale, con le vetture che affrontano il tornantino Rascasse e la curva finale a destra, intitolata ad Antony Noghes (commerciante del tabacco e organizzatore delle prime edizioni del Rally di Montecarlo e del Gran Premio di Monaco), per ritornare infine al rettilineo di partenza.

La corsia dei nuovi boxDifficilissimo, a causa delle sue pieghe insidiose ed i suoi tombini, impietoso con i piloti chiamati ad un numero di cambi di marcia superiore a qualsiasi altra gara di Formula Uno ed obbligati a non fare il minimo errore, Monaco ha sempre laureato vincitori i migliori corridori di sempre.

Su queste strade hanno trovato gloria campioni come Ayrton Senna, il quale vi ha vinto sei volte (di cui cinque consecutive dal 1989 al 1993), Michael Schumacher, Alain Prost, Gilles Villeneuve. In passato, erano piloti come Juan Manuel Fangio e Jack Brabham a entusiasmare i tifosi. Senna fu lanciato ai massimi livelli della F1 proprio da una gara su questo circuito, nell´edizione 1984. Si rese infatti protagonista sotto un diluvio di una incredibile rimonta su Alain Prost a bordo della sua Toleman. La rimonta fu bloccata solo dalla sospensione della gara.

Oltre che di imprese eccezionali, il circuito è stato spesso anche teatro di episodi tragici. Nel 1967 l´italiano Lorenzo Bandini morì a causa delle ustioni provocate dall´incidente (e successivo rogo) che lo vide protagonista nella chicane del porto all´ottantaduesimo giro. Nel 1955 Alberto Ascari, con la sua Lancia, finì in mare nello stesso punto, senza fortunatamente riportare contusioni. Nel 1994, durante le qualifiche, Karl Wendlinger rischiò di morire a seguito di un brutto incidente all´uscita del tunnel. Da ricordare poi i numerosissimi incidenti senza conseguenze che si sono succeduti negli anni.


Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account